Come sbloccare lo streaming limitato geograficamente

Come sbloccare lo streaming limitato geograficamente

Sei un appassionato di serie TV? Vuoi vedere in anteprima tutte le stagioni di Breaking Bad in streaming, ma la piattaforma internet che le trasmette ha impostato il limite di accesso geografico in base alla provenienza dell’IP del dispositivo connesso? No problem!, è possibile “eludere” questo ostacolo e altri tipi di blocco dei siti con piccoli stratagemmi, senza essere per forza degli esperti informatici.

Siti e software per evitare il blocco dei siti

Le piattaforme TV estere o i canali di trasmissione streaming come Netflix adottano dei sistemi per la protezione dei contenuti e contro il download illecito che bloccano la visione; la maggior parte delle volte si tratta di limiti geografici per cui i contenuti non sono resi disponibili per la visione in Italia. Si tratta, in gran parte, di limiti legati al controllo della provenienza dell’IP del dispositivo; una delle soluzioni più facili e diffuse è quello di utilizzare uno dei tanti servizi di Web Proxy il cui impiego consente di bypassare le restrizioni e le censure online facendo da intermediario tra il tuo PC e il sito bloccato. Ecco quali sono i principali siti e software in grado di “scavalcare” il blocco geografico dei siti.

  • Anonymouse: è un servizio di web proxy gratuito e molto facile da utilizzare con qualsiasi browser e non richiede installazioni o perdite di tempo. Il servizio non supporta le connessioni criptate. Funziona molto semplicemente: ci si connette all’homepage di Anonymouse; sotto la dicitura “Enter website address” si inserisce la url (indirizzo) del sito bloccato, si clicca sul tasto “Surf anonymously” sulla destra e ci si connette al sito che si desidera vedere e magicamente tutti i contenuti bloccati saranno visibili.
  • Zend2: servizio analogo ad Anonymouse, gratuito, ma con qualche funzione aggiuntiva. Dalla homepage del sito Zend2 si digita l’indirizzo del sito da sbloccare, sulla barra a destra ci sono le Opzioni in base alle quali scegliere se criptare l’URL, rimuovere gli script, criptare la pagina, rimuovere oggetti e così via. Cliccando sul tasto “Surf” si viene reindirizzati sulla pagina del sito da sbloccare con i contenuti, ora, visibili.

Uno dei limiti di questi servizi è che non si possono scaricare contenuti multimediali pesanti, spesso la trasmissione è rallentata. Per eludere il blocco geografico di un sito che non consente la visione dei contenuti multimediali dall’Italia è necessario utilizzare un programma apposito. Ve ne sono diversi in circolazione compatibili per Windows e Mac e agiscono principalmente camuffando l’indirizzo IP del dispositivo in uso. Il vantaggio di utilizzare un programma VPN è che non incide sulla velocità di trasmissione e connessione, ma se si tratta di un contenuto a pagamento ci possono essere ulteriori restrizioni di banda massima disponibile e scelta del Paese. Alcuni programmi utili a superare il blocco geografico dei siti sono:

  • TunnelBear: un’applicazione gratuita per Windows e MAC in grado di camuffare l’indirizzo IP da diversi Paesi. La versione gratuita ha il limite di 500 MB di traffico mensile che si rinnovano automaticamente di mese in mese, mentre la versione a pagamento non pone limiti di traffico.  Per utilizzarlo è necessario accedere al sito del programma, creare un nuovo account con ID e Password. Ciò permette di effettuare il download del programma (in modo automatico o cliccando sull’icona del sistema operativo utilizzato dal proprio PC). dopo aver completato il download, si installa e si avvia il programma. Per utilizzarlo si immettono di dati del proprio account, si effettua il Log In, si seleziona dalla mappa il Paese di cui interessa acquisire l’IP per poter accedere ai contenuti senza restrizioni e procedere alla navigazione.
  • Hotspot Shield: è un programma alternativo a TunnelBear che non richiede account. Nella versione gratuita bisogna sopportare banner pubblicitari e una ridotta scelta di paesi. Dall’home page del sito si scarica il programma e lo si installa. Quando di apre il programma per utilizzarlo bisogna ricordarsi di posizionare su ON l’ “interruttore” accanto alla voce disconnected. Stabiliti il collegamento la dicitura passerà a connected e si potrà navigare sui siti oscurati o bloccati. Quando si termina la navigazione si spegne l’interruttore su OFF.

APP per smartphone e tablet per navigare su siti bloccati

Anche navigando con lo smartphone o il tablet è possbile eludere i blocchi geografici con delle apposite app semplici da utilizzare, gratuite, compatibili per sistemi iOS e Android, dal funzionamento elementare: basta scaricarle e quando si avviano l’IP del dispositivo viene automaticamente camuffato, navigando in sicurezza e privacy. Ecco le principali applicazioni:

  • Opera VPN;
  • Turbo VPN;
  • ExpressVPN (prova gratuita per 7 giorni, a pagamento i successivi);
  • Hola VPN gratuito (solo per Android).